La frattura di femore nel grande anziano: condivisione di un percorso fast-track

  Centro Congressi Le Vele  (Villa San Giovanni)   09/09/2017 - 09/09/2017 

Poster-001.jpg

​​

SEDE, LUOGO E DATA:

Centro Congressi Le Vele

Via Petrello SNC, Loc. S. Trada di Cannitello
89018 – Villa S. Giovanni (RC)
9 settembre 2017


OBIETTIVO FORMATIVO TECNICO-PROFESSIONALE:

epidemiologia - prevenzione e promozione della salute con acquisizione di nozioni tecnico-professionali (10)

 

DESTINATARI DELL'ATTIVITÀ FORMATIVA:

MEDICO CHIRURGO

Anestesia e rianimazione, Ortopedia e traumatologia, Geriatria, Medicina fisica e riabilitazione


ORE FORMATIVE: 5


CREDITI ECM RILASCIATI: 5

 

QUOTE ISCRIZIONE:

Il convegno è gratuito, per iscriversi compilare l'apposito modulo.


Modulo d'iscrizione​


 

PROGRAMMA SCIENTIFICO

Programma provvisorio - 9 settembre - Reggio Calabria.pdf

 

09.00              Saluti autorità e presentazione del corso
Astrid Ursula Behr, Marco Tescione, Italia Rosa Albanese, 
Francesco Benedetto
 
I^ sessione: Moderatori: Mario Verre, Paolo Navalesi, Epifanio Mondello
 
09.20-09.40   Definizione del problema, epidemiologia e costi delle fratture di femore
Prof. Falaschi
 
09.40-10.00   Il paziente fragile e le sue comorbidità:  cosa devo sapere e cosa devo saper  trattare
dott. Vincenzo Nociti
 
10.00-10.20   Anticoagulanti e antiaggreganti: come comportarsi 
dott. Vincenzo Oriana
 
10.20.10.40    La valutazione  anestesiologica pre operatoria
Alessandra Silvagni
 
10.40 -11.00 Discussione sui temi trattati in precedenza
Tutti i relatori – Discussants: Massimo Caracciolo, Sandro Belvedere
 
11.00 -11.30 Break
 
II^ sessione: Moderatori   Astrid Behr, Ripalta Diterlizzi, Sebastiano Macheda
 
11.30 - 11.50 La scelta della tecnica anestesiologica
Marco Tescione
 
11.50 -12.10 La gestione post operatoria
Simona Tiburzi
 
12.10-12.30   Il delirium: un problema sottostimato?
Marco Degoli
 
12.30-12.50   Il dolore ed il suo trattamento
Giuseppe Santamaria
 
12.50- 13.10 Discussione sui temi trattati in precedenza
Tutti i relatori – Discussants: Domenico Falleti, Sinopoli Franco
 
13:10-14:30 Pranzo
 
III^ sessione:Moderatori:  Fulvio Tancioni,  Francesco Adamo, Domenico Forte
 
14.30 14.50   Esperienza UK delle fratture di femore
Marsh
 
14.50 15.10   Tra le Regioni benchmark: L’Emilia Romagna
Marco Degoli
 
15.10 15.30   Il chirurgo cosa pensa?
Giuseppe Calabrò
 
15.30-16.00   Verso un protocollo regionale calabrese. E’ possibile una proposta condivisa ? 
Angelo Ianni
Discussant: Gaetano Topa
 
16.00 Conclusioni e consegna del questionario ECM

 

Responsabile Scientifico
Astrid Ursula Behr, Marco Tescione
Razionale Scientifico
L’anziano fratturato di femore rappresenta una sfida per le attuali organizzazioni sanitarie. Considerata la rilevante incidenza di questa frattura nei pazienti geriatrici ne consegue un’elevata richiesta di assistenza sanitaria in pazienti fragili. Soprattutto in questi malati la frattura di femore può alterare in maniera significativa l’autonomia del paziente, favorire lo sviluppo di complicanze e compromettere l’aspettativa di vita. Il conseguente impatto economico e sociale assume dimensioni considerevoli e potenzialmente ancor più rilevanti in un prossimo futuro in ragione del progressivo invecchiamento della popolazione. L’anestesista ha un ruolo centrale nella gestione del paziente anziano con frattura di femore, soprattutto nell’ottimizzazione dei tempi di degenza, essendo parte attiva in tutto il periodo peri-operatorio. L’elaborazione di un modello condiviso di gestione del paziente anziano con frattura di femore, che abbia l’obiettivo di rendere il più indolore possibile, l’esperienza ospedaliera in questa fase così delicata della vita, potrebbe ridurre notevolmente l’incidenza di complicanze e la conseguente mortalità. Per tale ragione il convegno “La frattura di femore nel grande anziano: condivisione di un percorso fast-track” è stato inserito tra gli eventi del gruppo di studio Anestesia in Ortopedia della SIAARTI. Obiettivo principale dell’evento è arrivare a condividere un percorso diagnostico terapeutico rapido, per la gestione del paziente anziano con frattura di femore, che possa rendere meno invasivo il passaggio in ospedale di questi pazienti. Un approccio razionale al trattamento del dolore all’arrivo in pronto soccorso, alla individuazione tempestiva delle comorbilità già in trattamento, alla stratificazione del rischio operatorio ed agli eventuali accorgimenti terapeutici per ridurlo, alla individuazione delle tecniche anestesiologiche più appropriate, può migliorare in maniera statisticamente rilevante, i dati che riguardano l’incidenza di complicanze e la mortalità. Tutto questo può diventare possibile se la gestione del paziente fosse affidata ad un team multidisciplinare. L’approccio da ritenersi vincente prevede una collaborazione multidisciplinare per garantire ai pazienti il massimo delle specifiche competenze specialistiche. In tale contesto, considerata la fragilità dei pazienti, l’attenzione ad ogni fattore modificabile può, se adeguatamente gestita, migliorare l’outcome. La presenza di relatori di diverse discipline e provenienti da diverse realtà, può facilitare l’arduo compito di individuare un percorso fast track, che sia efficace.
ECM
5

© 2015 SIAARTI