Candidati alle cariche Proxima - biennio 2020-2021

Gentili Soci,

segue l'elenco delle candidature pervenute. In riferimento alle candidature per il ruolo di rappresentanti dei neospecialisti, per quelle regioni che non hanno ricevuto candidature, la deadline è posticipata al 25 settembre 2019.

Rappresentante nazionale Proxima

a) Giovanni Babini - Milano

Lettera di presentazione:

Mi chiamo Giovanni Babini, sono un medico specializzando al terzo anno dell'Università degli Studi di Milano e collaboro come ricercatore presso l'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS nel campo della Fisiopatologia Cardiopolmonare. Faccio inoltre parte del gruppo Young dell’Italian Resuscitation Council, attivo nella ricerca sull’arresto cardiaco.
 
Sono rappresentante Proxima presso la mia università da due anni e durante questo periodo ho visto crescere questa giovane realtà in maniera esponenziale; ne sono un chiaro esempio le numerose attività formative a noi rivolte (webinar, journal club, videolezioni, corsi riservati) ed il sempre maggiore spazio riservato a specializzandi/neospecialisti nella partecipazione e nella programmazione del congresso nazionale e di vari altri congressi tematici. Questi sono segnali concreti della nostra presenza e della nostra importanza all’interno della Società scientifica.
 
Proxima ha sicuramente avuto un grosso impatto sulla mia crescita come specializzando: è stato un terreno di confronto e di forte maturazione personale che mi ha permesso di conoscere quello che succede al di fuori della mia realtà locale. Mi ha permesso di scambiare esperienze e creare un network di contatti con cui condividere ogni mio dubbio, pensiero, idea e progetto.
Ora è giunto il momento di ricambiare e contribuire in prima persona alla crescita di Proxima, ed è per questo che ho deciso di sottomettere la mia candidatura per la carica di rappresentante nazionale.
 
Le idee da sviluppare sono tante, e il potenziale di crescita altissimo:
-        favorire una distribuzione più omogenea dei corsi di formazione nelle varie aree italiane
-        aumentare le presentazioni stile journal club, anche favorendo la presentazione da parte di specializzandi/neospecialisti moderati da autori nazionale/internazionali di rilievo
-        creazioni di network di ricerca che favoriscano lo scambio di idee e la nascita di progetti
-        formazione in campo di ricerca clinica/sperimentale (stesura del progetto, approvazione, comitato etico, ricerca finanziamenti, raccolta dati, statistica, analisi ed interpretazione)
-        raccolta di opinioni e descrizioni delle proprie esperienze all’estero, in modo che siano fruibili a tutti e che possano rappresentare una mappa su cui chiunque possa orientare i propri interessi
 
Ovviamente questo è solo un piccolo inizio, perché il grosso delle iniziative non viene dal direttivo ma dalla voce di noi tutti specializzandi e neospecialisti. Facciamoci sentire!!!
 
Un ringraziamento a tutti coloro che decideranno di votarmi e darmi fiducia.

b) Christelle Correale - Padova


Lettera di presentazione:

Cari colleghi, sono Christelle Correale, iscritta al IV anno della Scuola di Specializzazione di Padova. 
E’ noto a tutti come in Italia vi sia una carenza di specialisti, arrecando seri danni alla sanità pubblica e privata. La carenza di specialisti in Anestesia, Rianimazione, Terapia intensiva e del Dolore è un dato oggettivo, che va affrontato con scelte politiche lungimiranti puntando ad un importante aumento delle scuole di specializzazione finanziate dal Miur e da parte delle singole regioni. 

Ritengo che la formazione e la ricerca debbano essere le priorità della SIAARTI. Il mio impegno sarà finalizzato a rendere corsi di formazione itineranti in modo da garantire la massima partecipazione a tutti i colleghi. Il mio auspicio è di una proficua collaborazione con la Presidenza, con tutto il Direttivo SIAARTI e con i colleghi eletti in Proxima.

E’ fondamentale l’ascolto. Il mio scopo è di incontrare ognuno di voi nelle vostre sedi in modo da poter recepire le esigenze di ogni singola scuola. Ciò avverrà anche grazie al Network di Proxima che dovrà riunirsi almeno due volte l’anno. 
Proxima rappresenta oltre che gli specializzandi anche i neo-specialisti, è fondamentale attuare sforzi, anche collaborando con i sindacati, per facilitare l’inserimento degli stessi nel mondo del lavoro. 

Proxima non deve essere una competizione elettorale, bensì una collaborazione reciproca con tutti coloro i quali hanno a cuore la SIAARTI, il loro futuro, la propria crescita scientifica e professionale. 

Proxima rappresenta una realtà consolidata, grazie alla volontà di tutto il Direttivo SIAARTI, nonché all’impegno profuso negli ultimi anni dai colleghi eletti nell’attuale e nel precedente board a cui va il mio ringraziamento. 
Sarà un onore e un piacere per me collaborare con voi. 
Un abbraccio affettuoso.
Christelle


c) Federico Moro - Ferrara


Lettera di presentazione:
Cari Colleghi,

mi chiamo Federico Moro e sono un giovane specializzando presso la Scuola di Ferrara. Durante la mia frequenza per la tesi di laurea, ho avuto la fortuna di partecipare all’incontro degli specializzandi al Congresso Nazionale SIAARTI di Bologna, in cui i fondatori posero le basi per la creazione di Proxima, trasmettendo a tutti i loro Colleghi l’importanza di unirsi, di lavorare insieme, di fare rete.
Fin dall’inizio del mio percorso formativo ho avuto quindi l’opportunità e la fortuna di poter conoscere e vivere Proxima, anche frequentando diversi corsi di formazione e partecipando a congressi organizzati con il supporto della componente giovanile della SIAARTI.
L’esperienza più recente e significativa, che mi ha fatto ancora di più appassionare e comprendere l’importanza e la centralità di Proxima nel percorso formativo di noi futuri Anestesisti-Rianimatori, è stata l’Academy di Lampedusa, un evento magnifico che mi ha dato la possibilità di crescere sia dal punto di vista meramente tecnico e culturale, ma anche umano, avendo avuto l’occasione di conoscere e confrontarmi con moltissimi Colleghi provenienti dalle più diverse scuole del nostro Paese, con alcuni dei quali sono nate bellissime amicizie.
Avere la possibilità di poter partecipare, come Medici in Formazione Specialistica, alla vita della società scientifica che ci rappresenta a livello nazionale ed internazionale, è una fortuna comune a pochissime realtà. 
Penso che al giorno d’oggi, in una realtà in cui ci è richiesto un altissimo livello professionale (sia scientifico che umano), riuscire a tessere una rete collaborativa basata sulla diffusione capillare e libera delle conoscenze e delle possibilità formative sia requisito indispensabile per poter diventare i migliori professionisti sanitari del futuro. Grazie ai Colleghi che fin d’ora hanno costituito il Board Proxima abbiamo oggi a nostra disposizione un sempre più grande panorama di offerte formative che ci vengono messe a disposizione in modo agevolato. Continuando su questa strada ritengo sia importante impegnarsi per costruire una solida rete che metta ancora di più in comunicazione tutte le Scuole di Specializzazione Italiane, permettendo a noi Specializzandi di poterci conoscere, confrontare, di contribuire a costruire il nostro stesso futuro professionale. 
Abbiamo una enorme potenzialità di rendere la nostra specializzazione una eccellenza a livello nazionale e internazionale. 
Credo fortemente che abbiamo tutte le risorse per poter diventare Professionisti migliori, solo se lavoreremo insieme, uniti. Per questo ho deciso di candidarmi come Rappresentante Nazionale in Proxima, nella speranza di poter contribuire alla crescita della categoria di cui faccio parte e di cui sono così appassionato.

In fede,

Federico Moro


d) Renato Ricciardi - Roma


Lettera di presentazione: -

Rappresentante Proxima Education

a) Giuseppe Denaro - Milano

Lettera di presentazione:
Care amiche colleghe e cari amici colleghi,

Mi chiamo Giuseppe Denaro, specializzando presso l’Ospedale San Raffaele di Milano. 
Ho deciso di candidarmi per il Proxima Board Area Education per poter contribuire direttamente in prima persona alla organizzazione di attività didattiche e formative per tutti i membri Proxima SIAARTI. 
Sono una persona socievole e aperta al dialogo. 
Il mio impegno sarà promuovere progetti che si basano su lavoro di squadra, corsi di formazione teorico-pratico, video-lezioni, Simulazioni ad alta fedeltà e congressi dedicati esclusivamente alla nostra crescita didattica e pratica. 
Credo sia essenziale creare un gruppo nazionale unito, che lavori in sinergia, con la guida del Presidente e di tutto il direttivo SIAARTI al fine di migliorare sempre più la nostra preparazione teorico-pratica e la nostra cultura scientifica. 
Sono fortemente convinto che il miglior metodo per imparare sia praticare, a tal proposito non posso che nominare un paio di attività promosse dalla SIAARTI in questi anni come il CREM a Lampedusa e l’Academy Hospital a Novara, attività formative di alto livello che trovo molto stimolanti per noi specializzandi e che anche io sarò favorevole e collaborante ad una futura realizzazione di tali o simili progetti con la SIAARTI. 
Sono una persona molto disponibile. Sarò lieto di ascoltare, in qualsiasi momento, le vostre idee e i vostri suggerimenti al fine di migliorare la nostra formazione. 
Lavorare in sinergia ed armonia sono la base e la chiave del nostro successo futuro. 
Insieme si può. 

Chiedo un vostro sostegno alla mia candidatura 

Grazie mille per la fiducia 
Giuseppe


b) Stefano Peroni - Modena


Lettera di presentazione:
Mi candido a rappresentante per la sezione di Proxima Education perché credo nella necessità di promozione e divulgazione scientifica intesa in tutti i suoi aspetti come motore di crescita indispensabile per il medico in formazione e soprattutto per una più completa preparazione del futuro specialista con la certezza che essa si tradurrà nella pratica clinica.

c) Giuseppe Tricoli - Palermo


Lettera di presentazione:
Cari colleghi,
sono Giuseppe Tricoli, iscritto al III anno della Scuola di Specializzazione in Anestesia e Rianimazione dell’Università di Palermo. Fin dai primi anni di Medicina ho partecipato alla vita universitaria come membro attivo di associazioni studentesche e rappresentato i miei colleghi in diversi organi di Ateneo.

Ho scelto di mettere a disposizione la mia esperienza, assieme alla passione e la voglia di fare, presentando la mia candidatura al ruolo di rappresentante Proxima Education. Inoltre voglio dare continuità ad un percorso iniziato due anni fa, in qualità di rappresentante del Network di Proxima SIAARTI, che mi ha dato la possibilità di conoscere questa splendida realtà e di confrontarmi con i colleghi delle altre Scuole di Specializzazione.
I precedenti meeting del Network, coordinati egregiamente dagli attuali membri del Board, sono stati un momento di incontro, condivisione e crescita dove sono emerse tantissime idee per venire incontro alle esigenze dei medici in formazione e dei neospecialisti: formazione, ricerca e confronto continuo. 

In particolar modo, per quanto riguarda la formazione, credo che la nostra società scientifica debba supportarci al fine di colmare le lacune di un percorso formativo vasto, come quello della nostra specialità, che racchiude diverse macro-aree (Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore), senza però surrogare in alcun modo le istituzioni universitarie, che sono gli attori fondamentali del nostro percorso formativo. 

Sicuro nell’offrire il mio pieno impegno per adempiere a questa carica, rimango fiducioso in un vostro sostegno. Sarà un piacere e un onore poter lavorare insieme agli attuali rappresentanti Proxima e a tutto il Direttivo SIAARTI, a cui va il mio ringraziamento per il lavoro svolto fino ad ora.
Un caro saluto!


d) Alessandra Valletta - Perugia


Lettera di presentazione:
Sono al terzo anno di formazione specialistica presso la Scuola di Specializzazione di Perugia e referente per la mia Scuola del Network di Proxima. Negli ultimi anni ho, quindi, potuto toccare con mano i rapidi e sostanziali cambiamenti della formazione specialistica, nonché l’impegno di Proxima, della SIAARTI e del Collegio dei Professori di Anestesiologia nel far crescere una realtà nuova e stimolante. 
La necessità di un’educazione continua nella professione medica è oggi ineludibile, in particolare per l’anestesista rianimatore, che si trova a dovere affrontare contesti clinici differenti in rapida evoluzione e sempre più complessi. 
È proprio negli anni di specializzazione, nei quali ci formiamo come professionisti, che l’educazione deve essere valorizzata al massimo, al fine di garantire, oltre alla costruzione di solide basi culturali ed allo sviluppo delle abilità cliniche, la maturazione delle capacità critiche necessarie per una crescita culturale e professionale continua, nonché la creazione di una rete atta allo scambio ed al confronto critico di esperienze tra chi lavora in realtà cliniche differenti. 
La tecnologia mette oggi nelle nostre mani delle potenzialità enormi non ancora completamente esplorate. Siamo testimoni di come le video lezioni organizzate negli ultimi anni abbiamo registrato una sempre maggiore affluenza e ci abbiamo garantito la possibilità di ascolto e confronto con esperti docenti italiani di riconosciuta fama, annullando le distanze geografiche ed avvicinando le esperienze cliniche. 
La simulazione, poi, rappresenta a mio avviso la modalità di formazione che più di altre permette un apprendimento completo, rendendoci sempre più pronti a gestire tutte le mille sfaccettature e criticità della nostra complessa professione, che spazia dalla medicina perioperatoria alla terapia intensiva, alla medicina critica dell’emergenza alla medicina del dolore. 
Mi piacerebbe mettere a disposizione le mie capacità organizzative e comunicative per sostenere e accrescere questo grande e giovane progetto di educazione e di formazione dei futuri anestesisti e rianimatori italiani.
Un obiettivo che mi piacerebbe perseguire è quello di ampliare ulteriormente i confini di questo progetto ed estenderlo ad un livello internazionale, per poter creare una rete di interscambio formativa ed educativa, volta ad avvicinare i giovani anestesisti a contesti europei. 
Concludo ricordando le parole di Nelson Mandela: “l’educazione è il grande motore dello sviluppo personale. È grazie all’educazione che la figlia di un contadino può diventare medico, il figlio di un minatore il capo miniera o un bambino nato in una famiglia povera il presidente di una grande nazione. Non ciò che ci viene dato, ma la capacità di valorizzare al massimo ciò che abbiamo, è ciò che distingue una persona dall’altra.” E’ per questa grande fiducia nell’educazione che vorrei impegnarmi e mettermi in gioco per far crescere il nostro innovativo progetto educativo. 

Rappresentante Proxima Research

a) Alessandro Belletti - Milano

Lettera di presentazione:

Cari colleghi,
sono Alessandro, specializzando del V anno presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, al momento sono “in prestito” a Melbourne per un anno di formazione extrasede proprio in ambito di ricerca. 
Durante il mio percorso formativo, ho potuto approcciarmi fin da studente al mondo della ricerca clinica, collaborando in modo via via sempre più attivo a studi osservazionali e interventistici nazionali e internazionali (inclusi alcuni tra i principali studi multicentrici condotti nel nostro settore – CHEETAH e MYRIAD). Questo mi ha permesso di capire come la ricerca abbia un’importanza chiave nel nostro lavoro, non solo nel generale contributo al progresso della medicina, ma anche per essere sempre all’avanguardia nell’attività clinica di tutti i giorni. Tuttavia, ho anche potuto osservare tutte le difficoltà che quotidianamente si incontrano nel portare avanti i progetti –difficoltà a reperire fondi, resistenze “culturali”, formazione ancora limitata.
Adesso vorrei quindi mettere a disposizione la mia esperienza e il mio impegno per contribuire alla crescita dell’attività scientifica del gruppo e alla nostra formazione in ambito di ricerca. 
In particolare sarebbe importante riuscire a creare, attraverso Proxima e la collaborazione con il Gruppo Ricerca Clinica SIAARTI, un network di giovani colleghi interessati alla ricerca con l’obiettivo di arrivare, tra qualche anno, a realizzare un gruppo di ricerca italiano capace di produrre regolarmente grossi studi di qualità, come già accade in Canada (Canadian Critical Care Trials Group), Australia (ANZCA Clinical Trials Network e ANZIC Research Centre) e in Francia.
Oltre a questo, sarà mio impegno proseguire e rafforzare quanto già fatto dai precedenti colleghi, in particolare con la promozione di corsi e lezioni di statistica, scrittura scientifica, e revisione, l’organizzazione di journal club in cui discutere e commentare gli studi più importanti, e spazi dedicati al congresso SIAARTI annuale.
Vorrei inoltre creare uno spazio online in cui condividere materiale didattico e articoli rilevanti per la metodologia di ricerca clinica.
Un saluto,
Alessandro

b) Marta Fedriga - Brescia


Lettera di presentazione:
Ho assistito alla nascita di Proxima quache anno fa e l'idea mi ha subito entusiasmato : una sezione dedicata a specializzandi e neospecialisti che coinvolgesse la nazione intera. Mi piaceva l'idea che creasse un network in un contesto , come quello italiano, caratterizzato storicamente linguisticamente e più in generale culturalmente, da una marcata varietà ed eterogeneità -che i considero ricchezza. Un progetto come Proxima non poteva che apportare un enorme arrichimento sia ai giovani professionisti che ai soci facenti parte della Società. . Credo che questa iniziativa sia servita inoltre ad individuare differenze tra scuole di specializzazione, identificare i "punti deboli" formativi allo scopo di debellarli. 
Io mi trovo al termine del mio percorso formativo di specializzanda, a Dicembre 2019 sosterrò l'esame e discuterò la mia tesi. Ho avuto la fortuna di trascorrere gli utlimi 18 mesi della specializzazione a svolgere perlopiù attività di ricerca presso l'Università di Cambrige all'Addenbrooke's hospital. Il laboratorio di cui faccio parte organizza settimanalmente lezioni tenute da esperti a cui partecipano moltissime persone anche non fisicamente presenti grazie agli strumenti informatici e al network che i Professori del laboratorio hanno saputo creare. 
Mi piace l'idea di tornare nel mio paese per trasmettere quello che ho imparato. mi piace l'idea di creare ponti di cultura e di conoscenza . 

c) Ines Marongiu - Milano


Lettera di presentazione:
Ciao a tutti,
Mi chiamo Ines Marongiu, sono una specializzanda iscritta al secondo anno di corso della scuola di Milano Statale. Avendo da sempre nutrito interesse per la ricerca, durante il mio percorso ho cercato di mantenere vivo l’impegno in questo ambito e, in aggiunta all’esperienza formativa nei reparti e allo studio, ho collaborato a diversi progetti di ricerca soprattutto in ambito pre-clinico. Durante il mio internato di tesi di laurea, ho lavorato su modelli murini di trauma cranico all’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano con il gruppo della Dott.ssa Zanier. Dopo l’inizio della specializzazione, ho iniziato a collaborare con il gruppo di ricerca del Prof. Pesenti presso l’Ospedale Policlinico di Milano su un protocollo sperimentale mirato allo sviluppo di nuovi modelli suini di danno polmonare. Ho anche partecipato a congressi scientifici nazionali ed internazionali dove ho presentato i risultati di questi studi sotto forma di poster. Per quanto riguarda l’attività di ricerca clinica, sono stata impegnata nell’organizzazione di Journal club a carattere scientifico e di discussioni interdisciplinari di casi di politrauma gestiti presso l’Ospedale Policlinico.

Nella mia pur breve esperienza, ho scoperto che la ricerca richiede passione, dedizione, pazienza e curiosità. Quella curiosità che non nasce tanto dalla genialità, quanto dal semplice istinto di porsi delle domande e voler andare a fondo dei problemi clinici quotidiani. La ricerca mi ha fatto crescere ed aperto la mente perché abitua ad approcciare i problemi con senso critico e razionalità. Grazie alle persone che mi hanno guidata finora, inoltre, ho capito che la ricerca non si fa da soli: fare ricerca ti fa sentire parte di un qualcosa di grande, in cui ognuno apporta un contributo secondo le proprie possibilità e peculiarità.

Per tutte queste ragioni, ho presentato la mia candidatura come membro del board di Proxima Research. Mi piacerebbe che Proxima Research, proseguendo nella direzione che ha intrapreso, diventasse sempre più una rete in grado di mettere in comunicazione tutti gli specializzandi d’Italia interessati alla ricerca. Proxima Research, grazie alla collaborazione con SIAARTI, ha la potenzialità di farci sentire parte di un progetto comune e di introdurci al panorama scientifico nazionale e internazionale, partendo dalle inclinazioni e gli interessi di ciascuno.

La mia candidatura si articola in tre proposte principali:
1) INFORMAZIONE: sarebbe interessante organizzare journal club online sui più recenti articoli della ricerca anestesiologica e rianimatoria, con relatori nazionali e internazionali e riferimenti bibliografici di alta rilevanza scientifica;
2) CONDIVISIONE: mi piacerebbe che Proxima Research fosse un canale di comunicazione per conoscere idee, risorse e occasioni offerte da gruppi di ricerca italiani ed esteri;
3) PARTECIPAZIONE: sarebbe bello moltiplicare le occasioni di confronto e dialogo live tra i membri di Proxima e ricercatori nazionali e internazionali, per esempio in occasione del congresso nazionale SIAARTI.

Aiutami con il tuo voto e la tua partecipazione a fare crescere Proxima Research: una rete di giovani anestesisti appassionati e curiosi!


d) Francesco Murgolo - Bari


Lettera di presentazione:
Perché la mia candidatura nell’area research? Non nascondo che è una domanda a cui è difficile rispondere. Nelle scuole ci insegano che è sbagliato rispondere ad una domanda con un'altra domanda, bene, la Ricerca, qualsiasi tipo di ricerca, ci dà la liberta del contrario. L’aspetto più affasciante di quest’ambito è la metodica con cui la si svolge. Partiamo sempre da una domanda, un’ipotesi, e su questa approfondiamo l’argomento, conciliando lo studio con la pratica clinica quotidiana. A quale scopo? Ottenere risposte, risposte che sono la base di nuovi interrogativi, cadendo vorticosamente in una spirale che appaga la curiosità, che è l’anima di qualsiasi lavoro in ambito scientifico. Sarei molto contento di condividere con i miei colleghi delle varie scuole d’Italia, idee, progetti, curiosità, domande, che possano diventare veri protocolli di ricerca in ambito clinico. Ritengo che l’esperienza di ricerca durante la specializzazione abbia un valore ancor più importante. Ci spinge ad approfondire gli argomenti che più ci appassionano, portandoci a “settorializzarci” nel vastissimo campo della Anestesia, rianimazione e terapia del dolore, ma ancora, il confronto con altri colleghi di diverse scuole, ci può portare anche a scegliere la sede per un’eventuale esperienza formativa extra-ateneo d’appartenenza, e perché no, per un futuro lavorativo. Il mio pensiero si semplifica nella famosa frase di Thomas Eliot:
“La conclusione di tutte le nostre ricerche sarà di arrivare da dove eravamo partiti e di conoscere il posto per la prima volta”


Rappresentanti dei neospecialisti

Il mandato ha durata biennale

Calabria

a) Michele Ippolito - Catanzaro

Lettera di presentazione:

-

Campania

a) Nicola Logrieco - Napoli

Lettera di presentazione:

Sono ormai diversi anni che mi occupo di Proxima. Ne ho visto la nascita ed ho collaborato attivamente come rappresentante Education fino allo scorso anno fino a diventare quello che è ora. Spero di poter continuare nell'impegno attivo anche quest'anno a rappresentanza dei neo specialisti della mia regione.

Lazio

a) Alessandra Ionescu Maddalena - Roma

Lettera di presentazione:
Grazie al ruolo di rappresentante Proxima Education che ho svolto nel biennio 2018-2019 ho avuto la possibilità di confrontami con i colleghi medici in formazione provenienti da tutta Italia e di ascoltarne le diverse necessità.
Con la partecipazione al Comitato di Formazione ho potuto rendermi conto della ricca offerta formativa che la Società mette a disposizione e della grande diversità dei bisogni di ciascun settore.
Adesso, da neospecialista, vorrei poter continuare ad ascoltare le esigenze dei colleghi della mia regione in modo da creare un collegamento agile che renda possibile la condivisione e l’attuazione di proposte volte sempre a perfezionare le nostre competenze e migliorare le nostre condizioni di lavoro.

Liguria

a) Denise Battaglini - Genova

Lettera di presentazione:
Cari Colleghi,

Mi chiamo Denise Battaglini, sono iscritta all’ultimo anno di corso della scuola di Anestesia e Rianimazione di Genova e ben presto diventerò neo specialista.
Il mio primo vero contatto con Proxima risale alla prima edizione dell’Academy CREM, Lampedusa 2017. In quell’occasione ho ammirato la forza con cui i colleghi fondatori portavano avanti questa bellissima missione con unico fine quello di unire e rafforzare la rete di specializzandi italiani ed apportare novità con grandissimo entusiasmo. Il contatto con i colleghi di tutta Italia mi ha portata ad una grande riflessione e ha fatto crescere in me la voglia di impegnarmi per qualcosa che potesse rispecchiare le esigenze comuni della giovane classe medica. Questa voglia di crescere come professionisti e diventare specialisti insieme mi ha spinta fino alla candidatura come rappresentante Nazionale Proxima (biennio 2017-2019). Da quel momento è iniziata un’avventura indimenticabile.
In questi anni Proxima è cresciuta tantissimo: siamo riusciti a farci sentire, ma soprattutto a farci ascoltare. Oggi Proxima include anche i neo specialisti fino a 5 anni dalla specializzazione e ha la possibilità di sedere in Direttivo SIAARTI per discutere e confrontarsi con le più importanti personalità dell’Anestesiologia italiana sui bisogni formativi ed educazionali dei giovani anestesisti rianimatori italiani.
Purtroppo, il mio tempo a disposizione nel Board di Proxima è terminato, ma la voglia di perseguire l’obiettivo resta ancora forte. Pertanto, per garantire continuità e contribuire ancora ad apportare nuove idee e suggerimenti e fornire supporto ai nuovi colleghi che faranno parte del Board, invio la mia candidatura come rappresentante regionale dei neo specialisti per la regione Liguria.

In fede,
Denise Battaglini

Puglia e Basilicata

a) Rosa Di Mussi - Bari

Lettera di presentazione:
Questa candidatura segna, per me, la fine di un percorso. Ho visto nascere l'idea, quasi utopica, di Proxima e ho cercato di sostenerla e supportarla il più possibile prendendo parte al network. E' davvero bello per gli specialisti in formazione avere qualcuno con cui condividere le proprie ansie, con cui crescere, a cui fare domande...anche banali! l'apertura di questa grandiosa idea di condivisione ai neospecialisti, ha davvero segnato un passo importante. Siamo sì cresciuti ma siamo ormai in balia di un nuovo mondo a tratti entusiasmante ed a tratti complesso. Ho scelto di propormi perchè vorrei che questa rete, iniziata durante il processo di formazione, possa continuare ad esistere e a crescere anche nel periodo successivo, forse ancora più duro, dell'inserimento nell'ambiente lavorativo. Il messaggio più importante che mi piacerebbe comunicare è che la crescita, la voglia di scoprire e di ricercare, non devono esaurirsi con la fine del percorso formativo. Anzi, insieme, possiamo essere fonte di miglioramento per tutte le nostre realtà locali perchè, come suggerisce Rita Levi Montalcini, la ricerca intesa come strumento di conoscenza e non come oggetto di competizione, è strumento di potere.


b) Palma Nicoletta Mazzone - Bari

Lettera di presentazione:
Specialista in anestesia, rianimazione e terapia intensiva da novembre 2016, esercito la professione di anestesista in un ospedale di 'periferia'. Nella mia unità operativa il lavoro certo non manca, ma spesso mi sembra di sentir lontano (troppo lontano) l'unione con l'università, la ricerca e la formazione. Mi piacerebbe, pertanto, potermi far promotrice di un collegamento tra il centro e la periferia, poter coinvolgere colleghi giovani come me e soprattutto i meno giovani, così da poter fondere l'esperienza di questi ultimi con la innovativa mission di PROXIMA.


Sicilia

a) Giuseppe Accurso

Lettera di presentazione:
Mi chiamo Giuseppe Accurso, specializzato presso la Scuola di Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore, dell’ Università degli Studi di Palermo. Da circa un anno collaboro allo sviluppo del PDTA Sepsi per la regione Sicilia, progetto coordinato dal Policlinico di Palermo.
Propongo la mia candidatura in quanto ritengo fondamentale l’opportunità per i neospecialisti di partecipare ai programmi di formazione PROXIMA.
Infatti anche dopo la fine della specializzazione , webinar ,videolezioni e corsi dedicati possono essere uno stimolo per un continuo aggiornamento e crescita professionale.
Ritengo inoltre che noi neospecialisti potremmo essere un punto di riferimento per i colleghi specializzandi soprattutto nell’inserimento del mondo del lavoro e nell’affrontare le molteplici criticità della nostra specializzazione.
Il mio obiettivo è anche quello di creare una rete di integrazione all’interno della nostra regione attraverso la quale confrontarci e divulgare le iniziative SIAARTI.
Tutto ciò sarà possibile grazie al vostro sostegno e alla vostra collaborazione.
Saluti a tutti voi.

Veneto - Trentino-Alto Adige

a) Federico Geraldini

Lettera di presentazione:
Cari Colleghi,
Sono Federico Geraldini, neospecialista dal 2018, attualmente Dirigente Medico presso l’Azienda Ospedaliera di Padova. Vorrei sottoporre la mia candidatura in qualità di rappresentante regionale Proxima per il Veneto e il Trentino Alto Adige. Ho deciso di candidarmi perché nei 5 anni di scuola di specializzazione a Padova mi sono reso conto che nella nostra regione manca spesso la capacità di condividere sistematicamente competenze e conoscenze, nonostante l’elevato livello di qualità assistenziale e la presenza di molti anestesisti ed intesivisti di grande professionalità. Il Proxima promuove a livello nazionale questi obiettivi da tempo, ma nella nostra realtà questa opportunità è ancora poco diffusa e merita a mio parere di essere maggiormente valorizzata.
Voglio pertanto impegnarmi a:
• Migliorare l’integrazione dei sistemi formativi delle Università di Padova e Verona con gli altri centri nazionali ed europei, promuovendo una didattica che permetta di conseguire la certificazione a livello europeo agli Specializzandi e programmando percorsi ad hoc per chi è già specialista.
• Promuovere il sistema di lezioni online e aumentare la partecipazione nella nostra regione, in modo da consentire agli specializzandi di formarsi in un percorso di confronto costante con le restanti realtà nazionali ed internazionali.
• Favorire la ricerca a tutti i livelli, partendo dalle Università, ma con l'ottica di ampliare gli orizzonti coinvolgendo anche Colleghi che lavorano in strutture non universitarie. Contestualmente, favorire l’approccio alla ricerca ampliando i sistemi di diffusione delle conoscenze sulla metodologia scientifica.
• Introdurre delle piattaforme dedicate di condivisione delle esperienze professionali in modo da creare un pool di esperienza a cui rivolgersi per la gestione di situazioni cliniche usuali e non.
Un saluto a tutti, spero vorrete darmi l’opportunità di realizzare tutto questo.
Federico Geraldini



© 2015 SIAARTI