Rianimazione

Questa pagina web è dedicata a coloro che hanno un proprio caro ricoverato in rianimazione.

I familiari delle persone gravemente malate vivono un’esperienza molto intensa perché sono coinvolti in una realtà, quella della terapia intensiva, totalmente diversa dagli altri reparti ospedalieri e che per alcuni versi può apparire spaventosa. Talvolta, oltre alla preoccupazione per le condizioni di salute, ci si trova a dover prendere decisioni importanti sulla vita di una persona non in grado di decidere autonomamente. Tali decisioni – in condizioni di estrema urgenza – vengono affrontate dall’equipe rianimatoria; appena possibile, esse vengono prese insieme ai familiari.

Una maggior conoscenza di come è fatto e di come funziona un reparto di terapia intensiva permette di sentirsi meno spaventati e di essere così una parte attiva ed importante nel processo di cura dei propri cari.

Informazioni generali

La Terapia Intensiva, o Rianimazione, è un reparto ospedaliero riservato a persone in condizioni di salute estremamente precarie, in cui una delle funzioni vitali (respirazione, circolazione del sangue, attività neurologica…) è attualmente insufficiente al mantenimento della vita.

Una peculiarità di questo reparto sono gli strumenti tecnologici che vengono utilizzati per la cura delle persone ricoverate; questi macchinari necessitano di personale medico ed infermieristico altamente specializzato.

Nel momento del ricovero, il personale medico-infermieristico di rianimazione provvede alle prime cure che consistono nel “sostegno delle funzioni vitali”; vengono controllati il battito cardiaco, la pressione arteriosa, la diuresi, l’ossigenazione del sangue, … e vengono curati immediatamente i problemi più gravi.

Il controllo continuo delle funzioni vitali avviene necessariamente tramite tubi, fili, sonde, che verranno tolti il prima possibile. A causa di un tubo che passa attraverso la bocca o il naso ed è collegato ad una macchina respiratoria, alcuni pazienti, anche se perfettamente svegli, non sono in grado di parlare. Questa impossibilità di parlare è temporanea e si risolverà non appena sarà possibile rimuovere questo tubo.

I familiari possono entrare a visitare i propri congiunti ricoverati in rianimazione?

Per le specifiche caratteristiche della Rianimazione, essa presenta regole diverse rispetto agli altri reparti ospedalieri. Tali regole variano da struttura a struttura: in alcune Rianimazioni l’accesso diretto dei parenti in reparto non è consentito ed i familiari possono avere rapporto con i degenti tramite telecamere e citofoni; in altre è possibile l’accesso in reparto in ore stabilite e solo ai familiari più stretti; in altri casi è possibile accedere 24 ore su 24, sempre però seguendo queste importanti regole:

  1.  Ridurre le infezioni: prima di avvicinarvi al letto del vostro caro e quando vi allontanate, lavatevi le mani con molta cura, per diminuire il rischio di trasmettere malattie infettive.
  2.  Informazioni chiare: è molto utile che una o più persone (ma sempre le stesse) facciano da riferimento per ricevere le informazioni cliniche: questo limita i malintesi.
  3. Sicurezza per tutti: in casi particolari è necessario uscire temporaneamente dal reparto. Sarà cura del personale farvi rientrare appena possibile.
  4. Come contattarvi: è preferibile dare informazioni di persona sulla salute di chi è ricoverato; vi chiediamo comunque di lasciare al personale il vostro recapito telefonico in modo di potervi contattare.
  5. Tranquillità: parlate sempre a voce bassa e togliete la suoneria dai cellulari, per non distrarre gli operatori né disturbare le persone ricoverate.
  6. Evitare incidenti: non toccate nessun apparecchio o tubo, o qualsiasi altra cosa, neanche se vi stupisce o vi preoccupa: potrebbe essere molto pericoloso per il vostro caro.
  7. Cure appropriate: chiedete ai medici e agli infermieri prima di dare cibo, bevande o farmaci di qualunque natura al vostro caro.
  8. Rispettare la privacy: nel rispetto della privacy delle persone ricoverate e delle loro famiglie, evitate di fare foto, di avvicinarvi al letto degli altri ricoverati, o di leggere le loro cartelle cliniche.

Una volta recuperate e stabilizzate le funzioni vitali (respirazione, circolazione del sangue, coscienza), il paziente di rianimazione viene trasferito nei reparti di degenza dello stesso ospedale o in altri ospedali per il proseguimento delle cure necessarie.

Come ottenere ulteriori informazioni ?

I medici e gli infermieri sono disponibili, nei momenti opportuni, per rispondere ai vostri dubbi e alle vostre domande. Non esitate a chiedere chiarimenti e spiegazioni.

Per ricevere ulteriori informazioni, potete visitare liberamente il sito internet: www.intensiva.it, in cui potrete trovare notizie su questi argomenti:

  • come è fatta e come è organizzata la Terapia Intensiva;
  • quali figure professionali si prendono cura delle persone ricoverate;
  • a cosa servono i macchinari presenti nelle stanze e quali sono gli strumenti di cura più frequentemente utilizzati;
  • cosa succede dopo il ricovero e quali sono i cambiamenti a cui potrebbe andare incontro la persona che viene ricoverata in un reparto di Terapia Intensiva;
  • come i congiunti possono essere d’aiuto;
  • cosa succede quando una persona ricoverata muore in Terapia Intensiva.

Su questo sito internet (www.intensiva.it) potrete anche lasciare la vostra storia, o leggere le storie di come altri parenti o ex-pazienti hanno affrontato questa difficile esperienza.​

© 2015 SIAARTI